fbpx

BRACCONAGGIO 2.0 : LA MAFIA DEL PESCE

Si terrà sabato 15 febbraio a Gonzaga, il Convegno dal titolo Bracconaggio 2.0 : la mafia del pesce organizzato da FIPSAS e Fiera Millenaria.
La conferenza si terrà all’interno del Carpitaly, la mostra internazionale del Carp fishing e della pesca al siluro. L’inizio è previsto alle ore 11.00 presso la Sala Convegni del padiglione 0 della Fiera Millenaria. Si parlerà nello specifico delle attività internazionali di contrasto al bracconaggio ittico avvenute nell’anno 2019, che hanno coinvolto: Italia, Romania, Francia, Spagna e Ungheria.

Si preannuncia un evento unico e probabilmente irripetibile sul tema del bracconaggio ittico.
Saranno Presenti per la Romania quattro rappresentanti delle Istituzioni che hanno organizzato e condotto le indagini e i blitz eseguiti nel 2019 contro l’organizzazione internazionale dedita alla pesca di frodo:
Nita’ Teodor – Procuratore della Procura vicino alla Corte di Appello di Costanza, Jurj-Tudoran Remus – Procuratore della Procura presso l’Alta Corte di Cassazione e Giustizia, Finaru Dorin – Commissario Capo della Polizia all’interno dell’IGPR – Direzione dell’ordine pubblico e Sora Marian Commissario Capo della Polizia nell’ordine pubblico IGPR.

Sarà presente Simone Bossi Senatore della Lega – Vice Presidente della Comm. Pol EU del Senato, primo firmatario del disegno di legge 1335/2019 a contrasto del bracconaggio ittico in acque interne, Stefano Testa Maggiore Responsabile Task Force anti Bracconaggio Ittico – Raggruppamento Carabinieri CITES – Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri, Maria Elena Castaldo – Coordinatore Corso di Studi in Giurisprudenza Università degli Studi Link Campus University Roma e Ugo Claudio Matteoli Presidente della FIPSAS.
Il tutto verrà condotto e moderato da Matteo De Falco, giornalista di Sky Pesca.

I partecipanti avranno l’occasione di comprendere la portata del lavoro svolto e di capire quali prospettive ci aspettano in futuro.

locandina convegno carpitaly2020 sito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *